DISTRIBUTORI AUTOMATICI DELL'ACQUA

  • Distributore Automatico con Doppio Pannello

    Distributore Situato presso la Sede di Via Luigi Grimaldi,22 Enna

  • Distributore Automatico situato in Via dello Stedio,22 Enna

  • Distributore Automatico con singolo Pannello

    Distributore Automatico situato a Nicosia

  • Distributore Automatico con Singolo Pannello Erogatore

    Distributore Automatico Situato a Leonforte

  • Casetta dell'Acqua con doppio pannello erogatore situata a Centuripe

  • Casa dell'Acqua

    Casetta dell'Acqua situata a Nissoria

PER SAPERNE DI PIU'!

CHE COSA E’?

Il DISTRIBUTORE DELL'ACQUA o CASA DELL'ACQUA è un punto di erogazione automatica di acqua, installate in spazi pubblici o privati, in funzione 
24 ore su 24, collegato direttamente alla rete dell’acquedotto. E’ dotata di una o più postazioni di prelievo facilmente accessibili, ognuna delle quali può erogare acqua naturale e gassata refrigerata.

COME FUNZIONA?

E’ sufficiente inserire del credito tramite MONETE o CARD, e premere il tasto d’attivazione dell’erogatore che, a scelta dell’utente, eroga 1 litro di acqua naturale o gassata.

QUANTO COSTA UN LITRO D’ACQUA?

Il costo di un litro di acqua è di soli 5 centesimi al litro. Il prezzo è decisamente competitivo e, su base annua, si può calcolare un risparmio che si aggira sui 230€ (dato calcolato per una famiglia di 3 persone che consuma mediamente 4 litri di acqua al giorno, stimando che il costo medio di un litro d’acqua è di 30 centesimi).

COME SI PAGA?

Due sono le modalità possibili di pagamento:
  • Inserendo monete da 5 centesimi fino a 2€;
  • Con la tessera ricaricabile direttamente al distributore, mediante monete da € 0,05 a € 2,00.
Il distributore non da resto.

COME AVERE LA TESSERA?

È possibile richiedere la tessera presso gli uffici di Sweet Waters Italia, o presso i locali convenzionati.

CHE TRATTAMENTI VENGONO FATTI PRIMA DELL’EROGAZIONE?

Per rendere più gradevole al palato e più vicina ai gusti e alle abitudini dei consumatori, viene effettuato un processo di microfiltrazione dell’acqua, abbinato alla sterilizzazione a raggi ultravioletti. Il filtro composito è in grado di eliminare: il cloro, odori, sapori. 
Il cloro ha un ruolo fondamentale nell’acqua potabile in quanto distrugge i batteri e garantisce l’assenza di carica batterica lungo tutta la rete di distribuzione. Tramite una speciale lampada a raggi ultravioletti,l'acqua viene sterilizzata appena prima dell’erogazione. La composizione chimica non viene modificata e rimane quella della sorgente. L’acqua.microfiltrata e sterilizzata viene refrigerata ed erogata, naturale o addizionata di anidride carbonica.

QUALI SONO I VANTAGGI PER I CITTADINI?

Attingere acqua dal Distributore o Casetta comporta notevoli vantaggi. 
È un servizio a chilometro zero: l’acqua arriva direttamente dalla fonte, pura e di qualità, e viene controllata e monitorata periodicamente dai tecnici. Prendendola direttamente dalla fonte non c’è trasporto su autoarticolati, non ci sono bottiglie in plastica; usando bottiglie di vetro si contribuisce a ridurre l’impatto ambientale legato al quantitativo di plastica da smaltire.
Secondo dati ANSA, ogni anno in Italia vengono imbottigliati 12 miliardi di litri di acqua minerale, per un totale di 8 miliardi di bottiglie di Pet da 1,5 litri. . Ciò comporta, per la sola produzione delle bottiglie, l’utilizzo di 350mila tonnellate di polietilene tereftalato (PET), con un consumo di 665 mila tonnellate di petrolio e l’emissione di gas serra di circa 910 mila tonnellate di CO2 equivalente. La fase del trasporto dell’acqua minerale infine influisce non poco sulla qualità dell’aria. Il trasporto di acqua in bottiglia in Italia avviene prevalentemente attraverso TIR. La percorrenza media di una bottiglia sulle strade italiane è di 1000 km, con un consumo di 25 litri di carburante per 100 km. Il trasporto di una bottiglia di Pet genera un’emissione di 48 grammi di CO2. A questo va sommato il dato sulla produzione di una bottiglia Pet che fa raggiungere la cifra di 67 grammi di CO2 a bottiglia. Moltiplicando il dato per il numero di bottiglie prodotte annualmente in Italia, l’impressionante cifra raggiunta è di 5.360.000 tonnellate di CO2, equivalenti all’inquinamento prodotto da una centrale a carbone di media grandezza.
Share by: